23 firme, aiutaci ad arrivare a 500

Aggiungi la tua firma!

ACCELERIAMO SULLA DEMOCRAZIA!

La pandemia, seppur nelle sue tragiche implicazioni sanitarie, sociali ed economiche, ha visto fare un gigantesco balzo in avanti nell’uso delle tecnologie digitali da parte dei cittadini e delle istituzioni democratiche. Per molti mesi in Italia, in Europa e nel resto del mondo le assemblee elettive hanno potuto portare avanti i propri lavori utilizzando esclusivamente strumenti telematici.

Anche Roma ha vissuto un lungo periodo di governo, dai consigli municipali all’Assemblea capitolina, reso possibile grazie all’utilizzo di strumenti telematici. L’impatto è stato talmente significativo che risulta difficile immaginare oggi di poter tornare indietro.

Anche per quanto riguarda l’esercizio dei diritti politici dei cittadini, questi due anni di pandemia ci hanno consegnato importanti passi in avanti. La legge di bilancio 2020 e il decreto legge “Semplificazioni” hanno dapprima previsto la creazione di una piattaforma pubblica per la sottoscrizione digitale delle iniziative popolari, in seguito consentito ai comitati promotori di referendum di poter far sottoscrivere le iniziative popolari in proprio attraverso documento informatico SPID.

Negli ultimi anni, a Roma sono state approvate modifiche statutarie e regolamentari per consentire la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica anche attraverso strumenti digitali. Ora bisogna renderle operative, così da consentire a tutti i cittadini di Roma di poter attivare strumenti di democrazia diretta e deliberativa tramite SPID.

Il digitale può essere uno strumento fondamentale per ricucire il rapporto ormai logoro tra cittadini e amministrazione. 

Chiediamo al Sindaco Roberto Gualtieri, alla luce della sua delega alla transizione digitale, di:

  • realizzare la piattaforma cittadina che consenta l’attivazione dell’iniziativa popolare attraverso strumenti digitali;
  • dotare la città metropolitana di Roma del regolamento sulla partecipazione.

Non c’è transizione ecologica e digitale senza transizione democratica!


Per approfondire:

- La lettera integrale consegnata al Sindaco Roberto Gualtieri